Asus rilascia sul mercato due nuove schede madri

Asus ha deciso di rilasciare due nuove schede madri molto interessanti per coloro che amano i computer fissi e soprattutto assemblarli da sé.

Le nuove schede madri Asus sono state concepite per supportare le più recenti tecnologie attualmente disponibili nel mercato. Nello specifico i due nuovi modelli appartengono alla pluripremiata serie ROG e nello specifico Strix B250G e la Strix B250H entrambe, da come si intuisce dal nome della serie d’appartenenza disegnate per il gaming. Questi due dispositivi sono supportati per i processori Intel di settima generazione, la tecnologia Supreme FX, due slot per M.2 ed il supporto per la tecnologia Intel Optane.

Asus ha deciso di offrire a coloro che amano i videogiochi due dispositivi molto interessanti. Vi sono alcuni punti che uniscono questi due modelli come il supporto per il codec SupremeFX S1220A che permette di offrire un suono con un ottimo rapporto segnale rumore che arriva a 113dB in ingresso per un ottimo livello di registrazione mentre riesce ad avere un suono cristallino grazie ai suoi 120 dB in uscita. L’audio è migliorato anche dalla funzionalità Sonic Studio III mentre Sonic Radar III che in accoppiata con il HUD Haeds Up Display,  riesce a dare un valido aiuto ai giocatori fornendo, con una freccia tridimensionale, la posizione dei nemici. Tra le dote tecniche di questi prodotti troviamo la più moderna tecnologia Intel Gigabit Ethernet che a pieno carico riesce ad appesantire di meno la CPU.

Le nuove schede madri di Asus sono in grado di offrire delle prestazioni molto interessanti perché i componenti che il colosso informatico taiwanese ha deciso di offrire ai suoi clienti la possibilità di usufruire delle tecnologie più moderne per poter passare molte ore di gioco senza dover affrontare rallentamenti nell’esecuzione del software sia quindi come rate video sia per l’audio. Il software presente inoltre aiuta gli utenti a giocare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *